F*CK FAST FASHION
Salta al contenuto

CHE COS'È IL FAST FASHION?

• Il fast fashion è 'veloce' in diversi sensi: i cambiamenti nella moda sono veloci, il tasso di produzione è veloce; la decisione di acquisto del cliente è rapida; la consegna è veloce; e gli indumenti vengono indossati velocemente, di solito solo poche volte prima di essere scartati.


• Fondamentalmente, il modello di business del fast fashion si basa sull'acquisto continuo di più vestiti da parte dei consumatori. I marchi tentano i consumatori offrendo capi ultra economici (ad esempio, Magliette a € 2-3 ) e sempre nuove gamme di Articoli in continua evoluzione.

ethicalconsumer.org

MA PERCHÉ IL FAST FASHION FA MALE?

IMPATTO AMBIENTALE EMISSIONI DI CARBONIO • La produzione di abbigliamento è responsabile di oltre il 10% delle emissioni mondiali di carbonio. Classifica delle emissioni di abbigliamento superiori a quelle dei viaggi aerei. • Se si tiene conto dell'intero ciclo di vita di un indumento, dalla produzione al trasporto fino alla discarica, in totale, ogni anno vengono rilasciate dall'industria della moda 1,2 miliardi di tonnellate di emissioni di carbonio.

IMPATTO AMBIENTALE

INQUINAMENTO DELL'ACQUA

[I rivenditori di fast fashion utilizzano] materiali noti anche per contenere alti livelli di sostanze chimiche pericolose, come piombo, perfluoroalchil (PFA) e ftalati. Sono pericolosi per la salute delle persone e causano gravi danni quando vengono rilasciati nell'ambiente.

CONSUMO ECCESSIVO DI POTENZA

• Il ciclo di tendenza dei rivenditori Fast Fashion è estremamente breve.
• Quando un nuovo ordine arriva alla porta di un cliente, Fast Fashion sta già commercializzando i microtrend attraverso i propri canali social, spingendo i consumatori verso la prossima moda a breve termine.
• Questo sta alimentando il consumo eccessivo di abbigliamento, con conseguenti: maggiori impatti ambientali e rifiuti tessili.

"I SITI DI VENDITA AL DETTAGLIO DI MODA AGGIUNGONO NUOVI STILI A PREZZI INCREDIBILMENTE CONVENIENTI, NORMALIZZANDO IL CONSUMO ECCESSIVO".

“L' industria del fast fashion è stata a lungo complice di un sistema che paga i lavoratori al di sotto della sussistenza per massimizzare i profitti. Questo modello di business, che si concentra sulla vendita di montagne di capi di abbigliamento a costi insostenibili, ha fruttato sempre meno profitti a chi li crea direttamente.


Le condizioni di lavoro sono pessime, antigieniche e pericolose poiché un gran numero di officine sfruttate si trova in nazioni povere con leggi sul lavoro deboli e scarso controllo del governo; di conseguenza, se i lavoratori tentano di contestare i propri diritti o le condizioni di lavoro, rischiano di perdere il lavoro. I lavoratori dell'industria dell'abbigliamento sono tenuti a lavorare dalle 14 alle 16 ore al giorno, sette giorni alla settimana".

“I rivenditori sfornano numeri sbalorditivi di articoli di moda usa e getta a buon mercato. Poiché i vestiti costano così poco, la maggior parte dei resi probabilmente finisce in discarica, dal momento che costerebbe di più rimetterli in circolazione».


-GREENPEACE, GIUGNO 2022

LA NOSTRA CHECKLIST VENDITA SOSTENIBILE IN 7 PUNTI:

1. ACQUISTA VINTAGE O PRELOVED

2. NOLEGGIO ABBIGLIAMENTO

3. SE ACQUISTI NUOVO, ACQUISTA DA MARCHI DI QUALITÀ SOSTENIBILE

4. ACQUISTI CONSAPEVOLI: CAPISCI COSA E PERCHÉ DEI VESTITI CHE STAI ACQUISTANDO

5. LONGEVITÀ: SCEGLI VESTITI CHE POSSANO DURARE

6. PARTECIPA ALL'ECONOMIA CIRCOLARE: VENDI LE TUE VECCHIE COSE SU EBAY / DEPOP, RICICLA I VESTITI CON RICICLATORI AUTORIZZATI

7. NON ACQUISTARE MODA VELOCE!

Drawer Title

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito.

Prodotti Simili